Notizie dal Mondo Politica

Il Portogallo vira a destra ma c'è il rebus del governo

Flop socialista, boom dei populisti di Chega

Print Friendly and PDF

Dopo otto anni di governo socialista, il Portogallo vira a destra. Secondo gli exit poll, i portoghesi hanno premiato le forze di opposizione all'era politica di Antonio Costa: il fronte conservatore moderato di Alleanza Democratica è il primo partito, con un dato tra il 29 e il 33%.

Il trionfo dei populisti

Exploit dei populisti di estrema destra del partito Chega e del suo leader Andre Ventura, che raddoppiano i voti, passando dal 7% del 2022, a un dato tra il 14 e il 17%. Crollano i socialisti che conquistano tra il 25 e il 29%, molto lontano da quel al 41% di due anni che riportò Antonio Costa al governo. Tuttavia la formazione del governo resta un'incognita e tutti gli scenari della vigilia restano aperti. Solo nei prossimi giorni si vedrà se si manterrà il patto tra tutte le forze politiche per tenere Chega lontano dal governo.

Governo a larghe intese

Per tutta la campagna elettorale, i conservatori di Alleanza Democratica hanno sempre escluso l'ipotesi di formare un esecutivo con gli estremisti di Ventura. Lo stesso leader moderato, Luis Montenegro ha confermato il suo veto, ma altri esponenti del suo partito non sono stati così netti su questo punto. Se però si manterrà questa sorta di "conventio ad excludendum", l'unica via che resta al Portogallo per aver un governo è la formula delle larghe intese tra i socialisti e i moderati, con un esecutivo magari guidato dallo stesso Montenegro. Sarebbe il trionfo di un leader politico che è riuscito a sopravvivere politicamente per 25 anni e vedrebbe premiata la sua tenacia. Tutti davano la sua carriera ormai giunta al tramonto, magari dopo le europee di questa primavera, ma a fine novembre, in vista di queste elezioni anticipate, è stato confermato come candidato premier.

Cadono i socialisti

Sul fronte progressista, Pedro Nuno Santos, classe 1977, coetaneo di Giorgia Meloni, è diventato il capo dei socialisti portoghese lo scorso dicembre. Il suo arrivo è stato visto come il segno di un cambio generazionale nel partito, ma anche come una netta svolta a sinistra. Soprannominato l'"enfant terribile" del Partito socialista, si è guadagnato la reputazione di ribelle e radicale più di dieci anni fa, quando il Portogallo era stato appena salvato dalla troika: "O diventano gentili o non paghiamo. E se non paghiamo il debito tremeranno le gambe ai banchieri tedeschi", disse all'epoca in Parlamento. Ma il nuovo segretario generale socialista negli ultimi tempi ha moderato la sua linea per cancellare le differenze interne e fare appello al voto del centro. Tanto da non escludere un accordo bipartisan con la destra moderata pur di mantenere il "cordone sanitario" ai danni degli estremisti di Chega.

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
11/03/2024 07:19:50


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

"Un parassita mi ha mangiato parte del cervello" >>>

Elezioni Usa, le sigarette al mentolo mettono a rischio la candidatura di Biden >>>

La sfida del parlamento Ue. "Aborto diritto europeo" >>>

Il parlamento Ue approva il nuovo Patto sui migranti: cosa cambia ora >>>

La Casa Bianca gioca la carta Obama: cosa può fare l'ex presidente >>>

Taiwan, la cooperazione Cina-Russia preoccupa gli Usa: colloquio telefonico tra Xi e Biden >>>

Il nuovo capo dello Stato del Senegal è bigamo: due first lady vivono nel palazzo presidenziale >>>

Trump stupisce Wall Street: esordio stellare per le azioni del suo social Truth >>>

Ramadan, dai bimbi a digiuno alle scuole chiuse: così l'Europa s'inchina agli islamici >>>

Trump di nuovo nei guai: impossibile pagare la cauzione da 464 milioni di dollari >>>