Notizie Nazionali Economia

Cambia l'accertamento fiscale. Sarà obbligatorio discutere la cartella con il contribuente

Esultano i professionisti: "È una vittoria così il contenzioso potrebbe veramente ridursi"

Print Friendly and PDF

Non pagare ma parla, il Fisco (stavolta) ti ascolta. Da oggi cambiano le procedure per l'accertamento fiscale - solo per i debiti fiscali maturati dal 2 maggio in poi - con un contraddittorio vero e obbligatorio. Con la modifica dello Statuto del contribuente, l'Agenzia delle Entrate dovrà comunicare al contribuente le sue pretese: devi pagare tot con sanzioni tot entro 60 giorni. «Prima di emettere un atto che tecnicamente si definisce avviso di accertamento deve convocare il contribuente e discutere con lui se l'evasione presunta o reale a lui contestata è fondata oppure no», spiega il commercialista romano Gianluca Timpone. Se il contribuente accetta e paga subito, rinunciando al contraddittorio, le sanzioni saranno ridotte anche a 1/6. «Solo dopo aver ricevuto e vagliato le osservazioni, le risposte o le correzioni del contribuente si potrà procedere alla riscossione», ragiona il commercialista milanese Alberto Arrigoni nella sua newsletter Gazzetta tributaria.

Eccolo, il fisco amico che ha in mente il viceministro all'Economia Maurizio Leo, convinto che proprio l'eccesso di sanzioni (fino al 240% rispetto al 60% della media Ue) abbia generato l'eccesso di contenzioso che ha intasato l'ex Equitalia e le commissioni tributarie con 1,2 miliardi di euro di cartelle, ormai inesigibili al 96%. Ovviamente, non tutti gli atti sono impugnabili. Lo scorso 26 aprile è stato approvato il decreto ministeriale che specifica quali sono soggetti alla riforma tributaria dell'esecutivo. Al momento sono esclusi gli atti di mera riscossione generati automaticamente, tipo l'iscrizione a ruolo di imposte dichiarate e non versate, la rateizzazione non pagata, l'agevolazione fiscale ingiustamente percepita. Per il recupero dei crediti non spettanti o inesistenti utilizzati indebitamente in compensazione, l'Agenzia delle Entrate può emanare un atto di recupero motivato da notificare al contribuente. Atti per cui servirà instaurare una procedura di contenzioso o una conciliazione successiva, tanto che il sospetto di molti professionisti è che questo tentativo di deflazionare il processo tributario potrebbe non arrestare subito la ormai patologica crescita del contenzioso, anche perché nel recentissimo passato era solo un pretesto dell'Agenzia delle Entrate per sospendere e quindi dilatare i termini di impugnazione dell'atto impositivo già notificato.

«L'accertamento con adesione era un'opzione concessa solo su impulso del contribuente - spiega al Giornale Francesco Zappia di Milano PerCorsi - spesso in caso di errori sostanziali, per tentare di evitare la pretesa dell'Erario. Stavolta il contraddittorio informato ed effettivo sarà obbligatorio, a pena di annullabilità», e questo è un grande passo avanti, anche perché adesso l'Erario dovrà tenere conto delle osservazioni del contribuente «e l'Amministrazione dovrà motivare quelle che ritiene di non accogliere». Ma restano alcune ombre.

«Oggi un funzionario molto raramente rinuncia a un accertamento che sa essere sbagliato poiché significherebbe ammettere un errore E manca la condanna dell'Agenzia delle Entrate per lite temeraria, visto che spesso gli atti accertativi si reggono su presunzioni che hanno come obiettivo quello di far apparire quell'ufficio produttivo semplicemente perché ha ipotizzato evasioni milionarie», è l'amara chiosa di Timpone.

Notizia tratta da ilgiornale.it
© Riproduzione riservata
30/04/2024 11:32:03


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Prima intesa su Ita-Lufthansa, sì dell'Ue con condizioni >>>

A luglio l’assegno dei pensionati lievita: chi ne ha diritto e quanto aumenterà l'assegno >>>

Social card: a chi spettano i 500 euro, quando arrivano i soldi e cosa si può comprare >>>

Ferrero scatenata: dopo quella veg ecco la Nutella gelato >>>

Benetton in crisi, l'allarme dei sindacati: "Il buco era atteso ma non così grande >>>

Cannavacciuolo e il bistrot di Novara chiuso da mesi: "Basta, risolva o se ne vada via" >>>

Fisco, torna il redditometro. Come funziona lo strumento che stana gli evasori >>>

"Con il decreto Salva-casa compravendite sbloccate" >>>

Ristrutturare casa, le spese ammesse e le agevolazioni: cosa resta dopo il superbonus >>>

Il crac Parmalat: una delle più grandi truffe nella storia europea >>>