Opinionisti Monia Mariani

Un servizio sanitario nazionale uguale per tutti

Gli italiani rinunciano a curarsi e a fare prevenzione perché troppo spesso i ticket sono salati

Print Friendly and PDF

L’associazione “CittadinanzaAttiva” ha di recente fatto una proposta di legge interessante. Nella fattispecie essa riguarda la modifica dell'art.117 della costituzione per garantire a tutti, su tutto il territorio nazionale, di poter beneficiare del diritto alla salute e di prestazioni sanitarie e cure adeguate.

Con la modifica si sottolinea il fatto che la tutela della salute è una materia concorrente, ma nel rispetto del diritto dell'individuo e in coerenza con il principio di sussidiarietà di cui all'art. 118. Sperando che si arrivasse a un accordo condiviso sul testo, e quindi ad una approvazione rapida, l'associazione ha coinvolto tutti i gruppi politici e ha accompagnato l'iniziativa con la campagna social #diffondilasalute.

Di fatto la proposta di legge di CittadinanzAttiva e’ stata depositata alla Camera lo scorso giugno. 

La tutela della salute è da sempre materia concorrente tra Stato e Regioni e in seguito alla riforma del Titolo V della Costituzione si è rafforzata una frammentazione e disparita’ territoriale nell'assicurare i livelli essenziali di assistenza. Con regioni in grado di garantire servizi e prestazioni all'avanguardia, e altre invece al di sotto dei livelli essenziali, il tutto con forti disparità nella reale tutela del diritto alla salute.

L’Italia e’ un paese in cui la stessa prestazione o la stessa cura non è sempre garantita, dove troviamo prezzi diversi, dove variano le liste di attesa e volte, appunto, varia proprio la disponibilità stessa di una cura, di una analisi o di un trattamento. Il risultato e’che  spesso i cittadini si vedono costretti a 'migrare' verso altre regioni per curarsi, e invece chi può permetterselo rivolgersi al regime privato, e tanti, troppi, invece a rinunciare alle cure. 

Come e’ stato evidenziato dal “rapporto Osservasalute 2016” gli italiani rinunciano a curarsi e a fare prevenzione perché troppo spesso i ticket sono salati, o si deve pagare uno specialista privato. Ma la salute è un diritto di tutti !! La proposta di CittadinanzaAttiva (sperando che il testo

venga calendarizzato  e che si possa arrivare in tempi ragionevoli all'approvazione) 

potrebbe riportare finalmente una salute uguale per tutti. Questo e’ l’auspicio per il nuovo anno. 

Monia Mariani
© Riproduzione riservata
31/12/2018 18:25:32

Monia Mariani

Appassionata di scrittura e narrativa e, da sempre, interessata a tematiche sociali. Ha finora pubblicato tre romanzi biografici. Il Maestro (2008), ispirato alla vita del biturgense Gino Tarducci, La Leggenda di Zillone (2010) autobiografia dell’ex pugile professionista Pietro Besi, e La Tortuga (2013) ispirato alla vita del fiorentino Giacomo Papini, cercatore di diamanti in Venezuela. Sta lavorando ad altre storie da raccontare.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Monia Mariani

Meglio il sussidio che il lavoro >>>

Crescono le baby gang >>>

Il lavoro che non c’è >>>

Disabili senza cittadinanza >>>

Disabili senza cittadinanza >>>

Un servizio sanitario nazionale uguale per tutti >>>

Sos clima >>>

Poche donne al potere... >>>

Forse non tutti sanno... >>>

Genitori distratti >>>