Notizie dal Mondo Economia

L'Onu è senza soldi e rischia di non pagare gli stipendi dei dipendenti a ottobre

Una sessantina di Stati non paga la propria quota di contributi e la mette in seria difficoltà

Print Friendly and PDF

"Siamo a grave rischio di liquidità" ha affermato il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres "Di questo passo la nostra organizzazione non non sarà in grado di pagare dipendenti e fornitori già dalla fine del mese di ottobre". Le Nazioni Unite rischiano la bancarotta perché il 30% degli Stati non paga regolarmente le dovute quote annuali. "Il nostro lavoro e le nostre riforme sono in pericolo" ha spiegato il Segretario Generale "a causa della grave penuria di liquidità". Su 193 Stati, infatti, ben 64 sono morosi e stanno mettendo a repentaglio la già precaria di la situazione finanziaria dell'Organizzazione creando, nel mese di ottobre, un disavanzo di 600 milioni di dollari. E questa circostanza rischia di interrompere tutte le operazioni Onu nel mondo.

Notizia e foto tratte da Tgcom 24
© Riproduzione riservata
10/10/2019 14:33:33


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Germania: crollo storico Pil, -10,1% nel secondo trimestre. Disoccupazione al 6,3% >>>

Vertice Ue, raggiunto l’accordo sul Recovery Fund: all'Italia 209 miliardi >>>

Apple e Irlanda battono l'Ue: illegittimo il pagamento di 13 miliardi di imposte arretrate >>>

Coronavirus: il piano del governo britannico vale oltre 33 miliardi >>>

L’Europa fa la voce grossa con gli Usa sulle tariffe >>>

Londra, 600 milioni di sterline per comprare Wembley >>>

Fallisce il più grande proprietario dei Pizza Hut travolto dal coronavirus >>>

Fallimento Wirecard, da Sisalpay venti milioni per tutelare i conti dei clienti >>>

Anche per Starbucks niente più pubblicità sui social network >>>

La Coca Cola ritira la propria pubblicità dai social >>>