Notizie Nazionali Cronaca

Tangenti, arrestata l’ex eurodeputato Lara Comi

L’esponente di Forza Italia è accusata di finanziamento illecito, corruzione e truffa aggravata

Print Friendly and PDF

Ha rinunciato all'immunità parlamentare per difendersi dalle accuse “da libera cittadina”. Ma questa mattina è finita agli arresti domiciliari l’ex europarlamentare forzista Lara Comi. “Nonostante la giovane età, ha mostrato nei fatti una non comune esperienza nel fare ricorso ai diversi, collaudati schemi criminosi volti a fornire una parvenza legale al pagamento di tangenti, alla sottrazione fraudolenta di risorse pubbliche e all'incameramento di finanziamento illeciti", scrive il gip Raffaella Mascarino che ha firmato l’ordinanza di arresto. Con lei finisce ai domiciliari anche l'ad dei supermercati Tigros Paolo Orrigoni, e in carcere il dg di Afol Metropolitana Giuseppe Zingale. Le accuse mosse nei loro confronti dai pm Silvia Bonardi, Luigi Furno e Adriano Scudieri sono, a vario titolo, quelle di corruzione, finanziamento illecito e truffa ai danni del Parlamento europeo. Le indagini, condotte dagli investigatori del Nucleo di polizia economico finanziaria e dai colleghi della compagnia di Busto Arsizio, nascono dall’inchiesta “Mensa dei poveri” che il 7 maggio scorso aveva portato all’arresto di 43 persone, tra cui l’ex ras di Forza Italia a Varese Nino Caianiello. Proprio le dichiarazioni messe a verbale da Caianiello, che ha deciso di collaborare coi pm, e dagli altri indagati hanno dato il via alle nuove indagini. Sette in tutto i capi d’accusa, cinque dei quali riguardano Lara Comi. E’ accusata di corruzione per una consulenza a favore dell'avvocato Maria Teresa Bergamaschi incassata da Afol: 38 mila euro per un doppio contratto. Parte di quei soldi, 10 mila euro, sono stati dirottati a Comi. E’ sempre questa vicenda che costa il carcere al direttore di Afol Giuseppe Zingale, già indagato anche per istigazione alla corruzione per la nomina di Luca Marsico, ex socio del governatore Attilio Fontana, in un ente regionale. “Comunque oggi io dirò che non ho mai preso 17k (17mila euro, secondo l'accusa, ndr), non ho mai avuto consulenze con Afol né di società a me collegate che non esistono…”, diceva intercettata all’amica Maria Teresa Bergamaschi, consigliandole di usare “Telegram che è più comodo” e consente la distruzione dei messaggi, quasi a comunicare la paura delle indagini. Ma l’ex eurodeputata è anche accusata di truffa ai danni del Parlamento europeo.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
14/11/2019 14:53:04


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

È morta a Forlì la donna più anziana d'Italia >>>

Omicidio Sacchi: nuovo arresto e resta l'obbligo di firma per Anastasiya >>>

Deraglia un tram: travolte 4 auto, tra cui quella dei vigili. Un agente ferito >>>

Individuato il pirata della strada che ha travolto un bimbo di due anni, è una 22enne >>>

Terremoto nel Mugello, saliti a 600 gli abitanti costretti a lasciare casa >>>

Nel Bresciano è caccia al pirata della strada che ha travolto un bimbo di due anni >>>

Morto Davide Vannoni: inventò il “metodo Stamina” >>>

Scontro fra tram a Torino, 14 feriti: “E’ stato terribile” >>>

Terremoto nel Mugello, scosse fino a 4.5 di magnitudo. Ripresa la circolazione ferroviaria >>>

Processo Ruby Ter, parla Redaelli: “Barbara Guerra minacciava di parlare se Berlusconi non pagava” >>>