Notizie dal Mondo Economia

La Coca Cola ritira la propria pubblicità dai social

Non combattono odio e razzismo

Print Friendly and PDF

La Coca Cola ha annunciato di essersi unita al boicottaggio di Facebook, Instagram, YouTube, Twitter e degli altri social media accusati di non fare abbastanza per combattere la presenza di contenuti d'odio e razzisti nelle proprie piattaforme. Il gigante americano ha detto che fermerà tutte le sue pubblicità digitale almeno per un mese a partire dal primo luglio. Al boicottaggio, promosso dalla campagna Stop Hate for Profit, hanno aderito altri colossi come Unilever e Verizon. Mark Zuckerberg, vittima del boicottaggio di Facebook da parte dei big, ha già perso 7,2 miliardi di dollari di ricchezza personale. Le azioni del gruppo infatti hanno chiuso la settimana di contrattazioni a Wall Street perdendo l’8,3%, il risultato peggiore degli ultimi tre mesi. E secondo il Bloomberg Billionaires Index, con il calo di 56 miliardi di dollari del valore di mercato di Facebook il patrimonio del suo fondatore e' sceso a 82,3 miliardi di dollari. Zuck e' cosi' scivolato al quarto posto nella classifica dei Paperoni, superato dal re del lusso Bernard Arnault, boss di Louis Vuitton, che raggiunge sul podio con Jeff Bezos e Bill Gates.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
28/06/2020 06:17:45


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

L’UE studia l’uscita dall’eurocent, abolire le monete da 1 e 2 centesimi >>>

Volkswagen taglia 9.500 posti di lavoro, tre stabilimenti verso la chiusura >>>

Ryanair lancia un’offerta di un milione di posti a partire da 5 euro >>>

Amazon cresce ancora: Jeff Bezos vale oltre 200 miliardi di dollari >>>

Apple è la prima società che vale più di 2.000 miliardi di dollari >>>

Crollo storico per il Pil in Giappone: -7,8% nel secondo trimestre >>>

Traffico aereo, previsto crollo del 60% nel 2020 >>>

Taiwan vuole un accordo di libero scambio con gli Usa >>>

Il coronavirus spinge il Regno Unito in recessione: il Pil cala del 20,4% >>>

Coronavirus, l’allarme di Spence: “Niente sarà più come prima” >>>