Notizie dal Mondo Economia

G20, Visco: “L’economia spinta in un territorio sconosciuto”

Franco: “Il Recovery non è panacea”

Print Friendly and PDF

Entrano nel vivo i lavori del G20 finanziario di Venezia. Nel giorno in cui partono le sessioni che vedono come protagonisti i ministri dell'economia dei principali Paesi mondiali, i governatori delle banche centrali, il gotha dell'economia mondiale al centro delle discussioni finisco subito tasse e lotta al cambiamento climatico. A metterli al centro dell'agenda è il padrone di casa, il ministro dell'Economia italiano Daniele Franco, secondo cui si tratta di due temi cruciali. «Il G20 deve essere la forza trainante per il cambiamento climatico», ha detto al Simposio di alto livello sulla fiscalità. «Oggi dobbiamo affrontare questioni difficili e importanti per ri-orientare le nostre economie verso un futuro low carbon: ce lo impone il pianeta e la posta in giorno è molto alta», ha spiegato. E ha anche aggiunto però che, «la crescita quest'anno sarà almeno del 5%, ma dobbiamo ricordare che la nostra sfida principale rimane aumentare strutturalmente la crescita. E questo richiede un aumento della produttività in Italia». In questo orizzonte il Recovery Plan potrà dare uno shock positivo «ma non sarà una panacea» ai problemi del Paese. 

A seguirlo in questa direzione anche il segretario del Tesoro, Janet Yellen, il commissario Ue all'Economia, Paolo Gentiloni, e la direttrice generale del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva. «I Paesi del G20 hanno una grande responsabilità nell'adottare i prossimi passi necessari a portare un approccio alla decarbonizzazione all'interno delle nostre economie e prendere decisioni difficili dal punto di vista economico. Siamo responsabili per oltre l'80% delle emissioni globali quindi è nostra responsabilità adottare misure e farlo subito», ha detto Yellen, mentre la direttrice del Fmi ha chiesto un «forte segnale sui prezzi delle emissioni di Co2» per centrare gli obiettivi al 2050. Quindi, l’intervento del governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco: «I cambiamenti imposti dalla pandemia, con la forte recessione, la spinta alla digitalizzazione e l'emergenza sanitaria, stanno spingendo l'economia globale in un territorio sconosciuto ma in questa situazione sia i Governi che le banche centrali possono fare molto per evitare ferite permanenti» al tessuto produttivo.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
09/07/2021 14:09:01


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Ue taglia le stime di crescita: nel 2022 Pil Eurozona al 2,7%, inflazione al 6,1% >>>

La Fed alza i tassi di mezzo punto e le borse europee spiccano il volo >>>

Bce: “L’inflazione sta aumentando, bisogna avere flessibilità nella politica monetaria” >>>

Kiev, Pil ucraino ha già perso 16%, a rischio -40% nel 2022 >>>

La Germania alza il salario minimo a 12 euro all’ora >>>

Svolta in Belgio: arriva la settimana lavorativa di 4 giorni con lo stesso numero di ore >>>

Il miliardario indiano Ambani compra il Mandarin Hotel di New York per 98 milioni di dollari >>>

Così Amazon e Stellantis insieme per nuove esperienze “connesse” a bordo dei veicoli >>>

I 20 anni dall'entrata in circolazione dell'Euro >>>

La Bielorussia ha messo l'embargo sul cibo made in Italy e Ue dopo le sanzioni >>>