Notizie Nazionali Economia

Lavoro, al Mise un autunno di fuoco: 87 i tavoli di crisi ancora aperti

Dalla Embraco di Riva di Chieri, nel torinese, passando per Whirlpool, Elica e Blutec

Print Friendly and PDF

Sono 87 i tavoli di crisi che il ministero dello Sviluppo Economico dovrà fronteggiare in autunno per arginare il fenomeno delle delocalizzazioni per le imprese. Nel dossier che si ritroveranno sulla scrivania il ministro Giorgetti e la viceministra Alessandra Todde ci sono casi storici e altri più recenti: dall’epopea della Embraco di Riva di Chieri, nel torinese, passando per Whirlpool, Elica e Blutec. 

Per lo stabilimento di elettrodomestici di Napoli, l'incontro è in calendario a fine mese o al massimo ai primi di settembre. Todde assicura che il piano di riconversione e' sostanzialmente pronto e sara' presentato prima della scadenza della cassa integrazione. I contatti con le aziende interessate a operare nell'area in una sorta di consorzio sono in una fase cruciale. I tempi sono stretti se si vuole arrivare all'obiettivo prima delle elezioni amministrative. Settembre mese cruciale anche per Elica: l’azienda marchigiana leader mondiale nella produzione di cappe da cucina – che la scorsa primavera ha annunciato oltre 400 esuberi e l’intenzione di delocalizzare in Polonia – si è impegnata col Mise ad avviare interlocuzioni a livello locale per arrivare a presentare un nuovo piano industriale. Fissato al 9 settembre il tavolo in presenza a Termini Imerese su Blutec. L’incontro, previsto per la stessa data ma in videoconferenza, servirà a discutere il futuro del sito industriale.

In attesa di convocazione a settembre anche l'incontro sull'ex Embraco: dopo la proroga per tutto il 2021 della cassa integrazione stato chiesto a Invitalia di nominare un advisor per il processo di reindustrializzazione. Per quanto riguarda Gkn e Giannetti Ruote, vanno avanti le interlocuzioni con le aziende, che hanno aperto alla possibilita' di accettare le 13 settimane di cig. Martedi' 31 agosto il ministero del Lavoro ha in agenda, d'intesa con Regione Toscana e dell'Agenzia regionale per l'impiego, un incontro con Gkn di Campi Bisenzio, Fim, Fiom e Uilm, Federmanager e Mise, Regione Toscana. Altro nodo da sciogliere e' poi il decreto legge «recante misure urgenti in materia di tutela dell'insediamento dell'attivita' produttiva e di salvaguardia del perimetro occupazionale». Si stanno limando i testi ma il titolare del ministero dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, non sembra aver apprezzato l'ultima bozza circolata in quanto non strettamente fedele alla sua linea da seguire per le crisi d'impresa.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
29/08/2021 05:42:50


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Confindustria: “Recuperata la metà dei posti di lavoro persi per la pandemia” >>>

Ita debutta sulla Milano-Bari, Lazzerini: “Oggi nasce la nuova compagnia di bandiera italiana” >>>

Riforma del catasto, più della metà degli italiani è favorevole >>>

Istat, la produzione industriale è cresciuta del 16% nei primi otto mesi del 2021 >>>

Processo Ubi Banca: a Bergamo assolti Bazoli e Massiah >>>

Cassazione: sì alle tasse anche sulle mance >>>

Allarme prezzi sulla ripresa economica, Istat: i costi di produzione aumentano dell’11,6% >>>

Bollette, nonostante gli interventi del governo da venerdì luce +29,8% e gas +14,4% >>>

Auto, martedì via all’Ecobonus per l’acquisto di veicoli usati >>>

Tridico: “Intollerabile avere 2 milioni di lavoratori a 6 euro l’ora: subito il salario minimo >>>