Notizie Locali Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Fabio Buschi ex sindaco di San Giustino

"Giusta la soluzione proposta dai sindaci del territorio per la Due Mari"

Print Friendly and PDF

È stato sindaco di San Giustino dal 2004 al 2014, poi ha seguito le sue strade professionali ma non ha di certo abbandonato la politica. Anzi, Fabio Buschi rimane battagliero in seno al Partito Democratico e lo si è visto in occasione della proposta di tracciato della E78 nel territorio comunale di San Giustino, ma con lui andiamo ad analizzare anche la situazione nazionale.  

Lei è stato fra i più battaglieri sul tracciato della E78 che era stato proposto da Anas. Possiamo ora affermare che l’accordo fra i sindaci sarà in grado di scongiurare la nascita di comitati?

“La vicenda “Due mari” è sicuramente l'argomento politico più dibattuto negli ultimi decenni; pertanto, è molto sentito e conosciuto dalla gente. Sull'argomento, dico che dopo aver visto l'ultima proposta sull’attraversamento di Lama in orizzontale, mi pareva la peggiore delle ipotesi da sempre, mentre l'ultimo incontro fra i sindaci Secondi, Fratini e Paladino - per quel poco che si sa - dovrebbe prevedere il passaggio in prossimità della base logistica e quello per la vallata di Vallurbana, per poi immettersi nella galleria della Guinza. Direi che sia ciò che abbiamo sempre sostenuto, perché è al tempo stesso la soluzione che impatta di meno e coglie al meglio le possibilità di sviluppo della vallata”.

Da quando Lei ha lasciato la carica di sindaco, nel 2014, quanto era rimasto in sospeso è stato tutto portato a compimento?

“Pare di sì, vedi la sicurezza degli edifici pubblici, la variante del capoluogo e altre opere allora progettate e non finanziate, perché dal 2008 c'era il patto di stabilità che imponeva stringenti limiti di spesa, perciò non si è speso, ma i progetti erano pronti e le finanze importanti. Il mio rammarico maggiore resta il diniego all'impianto eolico, scelta attualissima che avrebbe dato autonomia energetica a tutto l’Altotevere Umbro. Invece, dopo 15 anni, si parla di riaprire le centrali a carbone”.

Le due amministrazioni di Paolo Fratini si sono distinte per l’enorme volume di lavori pubblici eseguiti e ancora da eseguire. Crede che magari qualche altro versante siamo rimasto un tantino indietro?

“Dopo anni di patto di stabilità, con progetti e disponibilità finanziarie importanti, era giusto investire. Rimane del tutto evidente che ogni modo di agire politico va ricollocato nel periodo storico e che quindi è molto difficile dare giudizi”.
 

Meno di due anni alle nuove elezioni. Al di là di quelli che potranno essere gli sviluppi, ci sarà bisogno di qualche chiarimento in seno al centrosinistra sangiustinese?

“C'è bisogno che la politica tutta si riorganizzi ed esca dal palazzo, che molli i privilegi, che torni umile e che soprattutto riparli e dia ascolto alla gente. La politica deve sviluppare una progettualità per gli anni a venire e non scelte immediate di corto respiro, tenendo sempre la persona al centro delle scelte amministrative, ma ridando anche una nuova linfa al sistema economico”.

Mario Draghi si è dimesso dalla Presidenza del Consiglio, il Capo dello Stato ha sciolto le camere e presto si tornerà a votare per le politiche. Quale analisi suggerisce l’evoluzione della situazione politica che si è venuta a creare in Italia?

“Il problema dei partiti è l'immediatezza delle scelte e la fobia dei sondaggi: dico soltanto che è stata una mossa folle quella di far cadere il governo Draghi, tanto più che adesso avevamo riconquistato credibilità in Europa e nel mondo. Non solo: c’erano anche partite importanti: i fondi europei, la guerra, il problema energetico e il lavoro. Speriamo bene!”

Redazione
© Riproduzione riservata
22/07/2022 09:47:22


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Michele Gentili, esponente regionale e locale di "Azione" >>>

Mondo politica: intervista con Andrea Lignani Marchesani di Fratelli d'Italia >>>

Mondo politica: intervista con Claudio Marcelli, sindaco di Pieve Santo Stefano >>>

Mondo politica: intervista con Antonio Cominazzi, assessore di Badia Tedalda >>>

Mondo politica: intervista con Tonino Giunti, consigliere comunale di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Mirco Meozzi ex consigliere comunale di Anghiari >>>

Mondo Politica: intervista a Lucia Cherici segretario della provincia di Arezzo per "Azione" >>>

Mondo Politica: intervista a Mario Checcaglini consigliere comunale ad Anghiari >>>

Mondo Politica: intervista a Caterina Domenichini esponente di Forza Italia a Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Roberto Pancrazi esponente di "Adesso" a Sansepolcro >>>