Notizie Nazionali Cronaca

È morto Ferdinando Carretta: nel 1989 sterminò la famiglia e confessò la strage in tv

A Parma uccise genitori e fratello. Rintracciato, viveva nella casa comprata con l’eredità

Print Friendly and PDF

Ferdinando Carretta è morto a Forlì, dove viveva da quando era tornato in libertà, in una casa che aveva acquistato con l'eredità della famiglia. Viveva nel quartiere Ronco, peraltro uno dei più colpiti dalle alluvioni dei giorni scorsi. A dare l'allarme è stato un vicino di casa che non lo vedeva da qualche giorno: quando i vigili del fuoco sono entrati in casa hanno trovato il cadavere. La morte risalirebbe a qualche giorno fa.

Uno sguardo vuoto, quasi immobile, come se la vita dei suoi occhi si fosse perduta nei misteri dell’anima, è quello che Ferdinando Carretta consegna agli spettatori di "Chi l’ha visto?" il 30 novembre del 1998 ed è quello che ci resta di lui, lo stesso sguardo rimandato dalle foto dei giornali o della tv, uno sguardo lontano da chi gli parla, persino estraneo a ciò che dice davanti alle telecamere: «Ho preso quella pistola e ho sparato ai miei genitori e a mio fratello». Continua a parlare come se non fosse la sua confessione, anche quando commenta che era stato «un atto di follia. Un atto di follia completa».

Pochi giorni prima a Londra un agente di Scotland Yard l’aveva fermato per un divieto di sosta, mentre faceva il suo lavoro da Pony Express, identificandolo come «Italiano, di Parma - nome intero Antonio Ferdinando Carretta - scomparso dal lontano 1989». C’era scritto così nel verbale. Lui non disse niente, aspettò che arrivasse su il giornalista della Rai per raccontare quasi senza emozione la sua storia terribile. Era l’estate di una vita fa, il 4 agosto, un camper e il giallo di una famiglia scomparsa. C’era la sua foto sui giornali, accanto a quelle delle vittime, suo padre Giuseppe, capocontabile in una fabbrica di vetri, sua madre Marta, una casalinga, e il fratello minore, Nicola, un sieropositivo che stava cercando di disintossicarsi. Fernando era un ragazzo timido e chiuso, che sentiva di non ricevere le giuste attenzioni da parte dei genitori, tutti concentrati sul fratello e i suoi problemi con la droga.

Per questo uccise la sua famiglia, con una Walter calibro 6,35, scappando per Londra subito dopo aver sepolto i corpi. Al processo lo giudicarono incapace di intendere e volere. Aveva compiuto quella strage perché si sentiva oppresso, e confinava la sua vita e la sua mente in un delirio che prendeva strani forme, e che gli psichiatri chiamano «appiattimento affettivo»: significa, come spiega Massimo Picozzi che «il pensiero delle parole impiegate per esprimerlo non si portano dietro vivacità ed emozioni». Come in quelle foto sui giornali, in tutti quei sorrisi che non sorridono, con gli occhi impietriti. Come nello sguardo che aveva alla tv quando gli chiesero soltanto: «Allora, cos’è successo il 4 agosto del 1989?».

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
01/06/2023 19:50:58


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Donna buttata giù dal cavalcavia. "Giada e Andrea dovevano sposarsi, ma lei aveva annullato tutto" >>>

Campi Flegrei, sisma di magnitudo 4.4, la scossa più forte da 40 anni. Panico e fuga nelle strade >>>

Bimbo ucciso dal pitbull. "Orrore di urla e sangue" >>>

Chico Forti rientra oggi in Italia. "Per me ora comincia la rinascita" >>>

Franco di Mare è morto: il "sì" a Giulia come ultimo atto d'amore dell'angelo di Sarajevo >>>

Ritrovato il capolavoro di Michelangelo di cui si erano perse le tracce: era in un caveau di Ginevra >>>

Lasciò morire di stenti la figlia, Alessia Pifferi condannata all'ergastolo >>>

Minorenni trasformate in prostitute, 10 arresti a Bari. Finiti ai domiciliari anche due clienti >>>

Mentana minaccia in diretta le dimissioni. Lo scontro con Lilli Gruber diventa uno scontro con La7 >>>

Ai domiciliari il governatore della Liguria Toti: le pesanti accuse >>>