Notizie Locali Interviste locali

Mondo Politica: intervista al consigliere comunale di San Giustino Corrado Belloni

"Mancano ancora eventi all’altezza di un Comune come il nostro"

Print Friendly and PDF

Siede dal 2009 in consiglio comunale a San Giustino sui banchi dell’opposizione. Non è mai stato candidato sindaco per il centrodestra, però è risultato sempre il più votato di lista. Corrado Belloni, 46 anni, è senza dubbio l’uomo rappresentativo della Lega sangiustinese. Sposato con tre figli, lavora nel bar di piazza del Municipio che da sempre ha per titolare la sua famiglia ed è una persona molto attiva: colleziona opere d’arte ed è anche un appassionato di storia locale.

Belloni, due anni e mezzo di legislatura per San Giustino, la seconda con il sindaco Paolo Fratini. Quale bilancio stila?

“Il sindaco ha raccolto il frutto di anni di risanamento del bilancio, iniziato già con la legislatura di Fabio Buschi, per cui si è trovato fra le mani importanti risorse che ha saputo ben reinvestire sul territorio. Di questo gli va dato atto. Sono stati eseguiti lavori che hanno migliorato l’aspetto complessivo, vedi le connessioni verdi (quindi la risistemazione del polo scolastico) e il completamento della variante stradale, anche se era già stato approvato dalla precedente giunta Buschi”.

Questi gli aspetti positivi che Lei ha riconosciuto. E quelli negativi o meno positivi?

“Zero coinvolgimento della minoranza, che sotto questo profilo è venuta meno a conoscenza di determinate operazioni, anche di quelle buone. E poi, non vi è stato completamente il gusto del bello, nel senso che nell’esecuzione degli interventi si è privilegiato il criterio della funzionalità, ma l’aspetto estetico del paese non è migliorato. Vi sono poi altri argomenti sui quali mi sembra che si sia lavorato poco: la cultura, per esempio. Mancano ancora eventi all’altezza di un Comune come quello di San Giustino. Finora, è stato una sorta di “tira a campare”, ma siamo carenti di un evento importante, o quantomeno di un aggancio ad altri importanti. Dalla cultura al sociale: vi sono tante risorse destinate ai problemi dei minori; vi è stata anche una impennata di costi per il mantenimento dei minori nelle strutture protette e non dimentichiamo che determinate problematiche vanno a ricadere nelle tasche dei contribuenti di San Giustino, per cui dico: tutto bene, purchè vi sia una reale opportunità di sostenere questi costi. Una implicazione che rischia di produrre gravi risvolti è poi legata al personale del Comune: vi sono stati pensionamenti, alcuni dipendenti sono stati attratti da altre amministrazioni e altri ancora si sono trasferiti perché non si trovavano bene. Risultato: nei prossimi anni la macchina comunale sarà a mio avviso penalizzata nel funzionamento. Chi lo conosceva è andato in pensione, mentre i nuovi non possono avere la necessaria esperienza: credo allora che per il prossimo sindaco il lavoro non mancherà”.

La minoranza sangiustinese è compatta nel suo operato, oppure vi sono questioni al vostro interno?

“Come gruppo siamo compatti, ma abbiamo di fatto le ali tarpate. Alla fine, insomma, urliamo e tutto si chiude lì, perché la giunta fa quello che vuole. Se allora c’è qualche problema, meglio passare dagli uffici comunali senza proclami politici, in quanto succede che presenti ordini del giorno, te li fanno modificare e alla fine te li bocciano per alzata di mano. Non veniamo meno al nostro ruolo politico, ma spesso quando raccogli la lamentela di un cittadino è meglio rivolgersi agli uffici: è l’unico sistema che produce risultati”.

Uno sguardo all’esito elettorale nella vicina Città di Castello. Quante responsabilità ha la Lega nella sconfitta alle comunali?

“Il centrodestra ha la totale responsabilità per non essere andato al ballottaggio. Dal canto suo, la Lega ha rispettato la parola data: trovare un candidato senza tessera di partito per raccogliere il più ampio margine di consensi. E questo principio lo ha portato avanti senza piegarsi. Purtroppo, c’era chi ha insistito su un altro candidato e abbiamo visto come è andata a finire. In ambito provinciale, la Lega ha dimostrato di essere un partito compatto. È mancato qualcosa a causa del voto disgiunto, ma il sospetto è che una certa parte della destra abbia votato il proprio consigliere di riferimento e allo stesso tempo il presidente di un altro raggruppamento per non far vincere Stefano Zuccarini, sindaco di Foligno e candidato della Lega. Non so quindi se vi sia un progetto ben preciso da parte di Fratelli d’Italia e Forza Italia che tenda a isolarci”.

Presto si terranno le elezioni per il Presidente della Repubblica. Chi vorrebbe al Quirinale?

“Bella domanda, perché non è facile rispondere. Mi viene il nome di Gianni Letta (da non confondere con Enrico Letta del Pd), anche se vi avrei visto bene Mario Draghi. È chiaro però che con un Draghi nelle vesti di Capo dello Stato rischieremmo di tornare a votare con un anno di anticipo è questo adesso non ce lo possiamo permettere”.

Redazione
© Riproduzione riservata
03/01/2022 10:57:34


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Luciana Bassini consigliere comunale a Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Lucia De Robertis consigliere della Regione Toscana >>>

Mondo Politica: intervista a Luca Ciavattini esponente della Lega Valtiberina >>>

Mondo Politica: intervista a Chiara Andreini esponente di spicco del Pd di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Massimo Mormii assessore al Comune di Pieve Santo Stefano >>>

Mondo Politica: intervista a Massimo Bruschi consigliere comunale a Monterchi >>>

Mondo Politica: intervista a Giampaolo Conti consigliere comunale a Umbertide >>>

Mondo Politica: intervista a Daniele Quartucci consigliere comunale a Citerna >>>

Mondo Politica: intervista a Laura Taddei consigliere comunale ad Anghiari >>>

Mondo Politica: intervista a Claudia Mazzoli assessore al comune di Bagno di Romagna >>>