Notizie Locali Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Manuela Malatesta assessore al Comune di Monterchi

"Siamo aperti a tutte le soluzioni per la Madonna del Parto"

Print Friendly and PDF

È uno fra i volti nuovi e giovani del panorama politico-amministrativo della Valtiberina Toscana. Alla sua prima esperienza – parliamo delle comunali 2019 – Manuela Malatesta ha ottenuto un eccellente risultato e da quasi un anno e mezzo ricopre la carica di assessore a cultura, turismo, scuola e informatizzazione nella giunta comunale di Monterchi, guidata dal confermato sindaco Alfredo Romanelli. Laureata in Lettere Moderne all’Università di Bologna, la Malatesta svolge la professione di operatrice turistico-culturale anche nel settore del marketing turistico, indirizzo per il quale ha sostenuto un apposito master.

Che cosa l’ha spinta a impegnarsi attivamente in politica, fino a ricoprire il ruolo di assessore alla sua prima esperienza?

"Non avevo nei miei piani il voler improntare il mio futuro a Monterchi e quindi l’impegno di pubblico amministratore non rientrava nei miei pensieri; questioni legate alla vita mi hanno riportato qui e, vivendo il territorio, mi sono resa conto di volere e di dover dare una mano, nella convinzione che forze giovani e fresche avrebbero potuto guardare le cose anche da un’altra ottica. Mi sono così avvicinata al gruppo di maggioranza “Insieme per Monterchi”, ho partecipato alle riunioni e mi sono accorta che la politica è davvero "tanta roba": si toccano più aspetti della vita del paese e quando ho capito che essere esponente politico in un Comune di 1700 abitanti vuol dire prestare servizio ai cittadini, ho dato il mio ok e le deleghe che ricopro – cultura, turismo, scuola e informatizzazione – sono motivo di lusinga personale”.

Come si sta rivelando questa esperienza rispetto a come l’aveva immaginata? 

“Non avevo aspettative, non avendo diretta esperienza del settore. Dentro di me, tanta voglia di fare, con tutte le difficoltà  prese in considerazione: si tratta di un impegnativo lavoro di ascolto portato avanti in una realtà piccola, nella quale tutti ci conosciamo. Gli ingredienti sono: ascolto, mediazione e compromesso. Vi sono argomenti per i quali spesso si adottano scelte impopolari, ma sia la sottoscritta che il gruppo di appartenenza hanno sempre preso decisioni mettendo davanti il bene dei cittadini. Volontà e buon senso sopra ogni cosa, poi esiste un’opposizione che fa il suo e che non esita nel dimostrare il proprio dissenso”.

Al proposito, i rapporti con l’opposizione sembrano al momento meno distesi: per quale motivo?

“In un periodo come quello attuale, con il Covid-19 che è piaga sanitaria, economica e sociale – e faccio riferimento alla recente polemica relativa alla mensa scolastica, oggetto di vivace dibattito - abbiamo cercato di muoverci con l’obiettivo di salvaguardare i ragazzi e la prosecuzione dell’attività didattica. L’opposizione ha invece sfruttato cifre, peraltro inesatte, per speculare politicamente sulla mensa e per giocare a suo favore. L’aumento della retta da 3 a 5 euro è stato un passo inevitabile: ci siamo allineati al resto del circondario per garantire un servizio sicuro. Abbiamo fatto ricorso alle forniture in plastica (compostabile), nella logica dell’emergenza attuale della pandemia e non certo per favorirne l’utilizzo: anzi, la volontà, è proprio quella di rendere il Comune plastic free, e il gruppo di opposizione lo sa bene."

Passando all’ambito che più direttamente la riguarda, che tipo di turismo serve alla Valtiberina e soprattutto quale mentalità debbono acquisire gli operatori locali del settore?

“Più che di turismo, c’è bisogno al momento di tanta sensibilizzazione e di vicinanza verso gli operatori del territorio. In tanti si sono lanciati verso l'indotto turistico, per cui l’offerta territoriale è ricca, ma la politica è importante che capisca come per accoglienza turistica si intenda tutto: l’aspetto esterno di un luogo, la cura che a esso si presta, gli eventi che ospita e molti altri fattori. Abbiamo la fortuna di avere un attrattore principe,  Piero della Francesca ma non solo: da tempo recente, anche i Cammini di Francesco sono all'attenzione di molti, esaltando una delle esigenze attuali; semplificando, quella di camminare e di stare all’aria aperta. Il territorio deve perciò rivelarsi più accogliente ed organizzato possibile e la creazione in Toscana degli Ambiti Turistici (noi siamo uno di questi) è l’occasione giusta per lavorare in un’ottica di insieme. Vi sono azioni che investono il comprensorio e strumenti che possiamo e dobbiamo utilizzare: la politica deve perciò fungere da coordinatrice di una linea operativa uguale per tutti e sette i Comuni”.

C’è un obiettivo, legato alle deleghe da lei ricoperte, che vorrebbe veder realizzato per Monterchi di qui alla fine della legislatura?

“Auspicando che il Covid-19 possa quanto prima rallentare per poi togliere il disturbo, c’è la volontà precisa di ridare lustro all'intero paese. È questo il momento per studiare il modo di convogliare i turisti non solo al museo della Madonna del Parto, che rimane il punto di forza di Monterchi, ma anche all’interno del borgo. Speriamo presto di poter inaugurare il teatro, che proprio in questi giorni sta ultimando i lavori di ristrutturazione, in modo da poter riprendere l'attività teatrale della nostra Compagnia d'Ercole e poter ospitarne altre, come era solito fare." 

Per ciò che riguarda il capolavoro della Madonna del Parto di Piero della Francesca, anche alla luce dei supporti multimediali e delle importanti migliorie apportate, il museo nella ex scuola di via della Reglia è sempre più destinato a diventare soluzione definitiva?

“Non è nostra intenzione rimanere fermi ed è poco opportuno affermare che l’attuale ubicazione dell’opera sia da considerare la soluzione definitiva. Siamo allora aperti e propositivi, ma per continuare occorrono coraggio, giusti presupposti e anche un pizzico di buona sorte nell’incastrare le giuste combinazioni. Di certo, quella attuale non è da considerare la soluzione definitiva, affermarlo sarebbe una presa di posizione fin troppo comoda”.

Redazione
© Riproduzione riservata
20/11/2020 10:10:54


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Mondo Economia: intervista a Elisabetta Bragagni Capaccini >>>

Mondo Politica: intervista a Guido Guerrini >>>

Mondo Economia: intervista all'imprenditore Marcello Brizzi >>>

Mondo Politica: intervista a Maria Cecchetti dirigente Lega Valtiberina >>>

Mondo Politica: intervista al segretario Pd di Sansepolcro Chiara Andreini >>>

Mondo Economia: intervista a Chiara Cascianini di Confesercenti Valtiberina >>>

Mondo Politica: intervista a Cesare Sassolini esponente di Forza Italia >>>

Mondo Economia: la famiglia Betti, storici macellai di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Daniela Frullani ex sindaco di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Manuela Malatesta assessore al Comune di Monterchi >>>