Sport Nazionale Calcio (Nazionale)

Serie C: Gabriele Capanni e Mattia Bortolussi stanno facendo grande il Cesena

Capanni, trestinese, è seguito dal Milan; Bortolussi, ex Sansepolcro, ha già segnato 8 reti

Print Friendly and PDF

La firma in calce di due giocatori conosciuti in Alta Valle del Tevere nelle fortune del Cesena, che sta risalendo la china nel girone B della Serie C dopo un inizio un po' stentato. Il primo è Gabriele Capanni, classe 2000, originario di Trestina: aveva segnato il gol della vittoria bianconera sul campo del Legnago e si è ripetuto domenica scorsa a Mantova, realizzando uno dei quattro gol cesenati. Capanni - lo ricordiamo - continua a essere seguito dal Milan. L'altro è Mattia Bortolussi: classe 1996, l'attaccante cresciuto nel Gubbio ha avuto una parentesi con il Sansepolcro in Serie D nella stagione 2016/2017: 31 presenze e 11 gol, poi al passaggio alla Lucchese, al Novara e ora al Cesena, con 8 reti segnate in 13 partite. 

Nella foto: Mattia Bortolussi 

Redazione
© Riproduzione riservata
16/12/2020 14:18:55


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Calcio (Nazionale)

Alessio Cerci, dall'Arezzo tenta il rilancio a quasi 34 anni negli Stati Uniti >>>

Il Venezia torna in Serie A dopo 19 anni >>>

Salernitana in A con Riccardo Bocchini fedele "vice" del tecnico Fabrizio Castori >>>

Serie D: al vaglio l'ipotesi del taglio delle retrocessioni >>>

L'Empoli torna in Serie A dopo due anni fra i cadetti >>>

Oh, chi si rivede! Josè Mourinho nuovo allenatore della Roma >>>

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani >>>

Serie C: fantastica Ternana, la B riconquistata con 4 turni di anticipo >>>

Dybala e Juventus pronti a dirsi addio >>>

"Questo mondo non fa più per me": l'addio triste di Cesare Prandelli alla Fiorentina >>>