Sport Nazionale Calcio (Nazionale)

Nicchi: "La sala Var unica di Coverciano garantirà maggiore uniformità"

Il presidente dell'Aia: "Nessuno potrà applicare il regolamento a sua immagine e somiglianza"

Print Friendly and PDF

"Gli arbitri stanno lavorando ed investendo senza tregua sul progetto Var, per migliorarlo sempre di più. Col secondo e terzo anno di applicazione si hanno dati più certi ma è evidente che stiamo soffrendo la mancanza di un centro Var ancora in fase di perfezionamento e il fatto che le partite vengano giocate in un clima surreale a causa della pandemia. Ma ci sarà un grosso miglioramento quando la Figc ci darà la chiave della sala Var centralizzata di Coverciano, sarà un laboratorio che porterà progressi incredibili, il passo più importante che farà il calcio italiano nei prossimi anni". Il presidente dell'Aia Marcello Nicchi, ai microfoni di Rai RadioUno per "Sabato Sport", ribadisce che azzerare gli errori è impossibile, ma che tutto è migliorabile: il passo decisivo sarà la sala Var unica di Coverciano."L'uniformità è quasi un'utopia - prosegue - ma avvicinarsi è fattibile. Sotto questo punto di vista le cose sono comunque molto migliorate e grazie alla tecnologia l'uniformità aumenterà perché nessuno potrà applicare il regolamento a sua immagine e somiglianza ma dovrà applicarlo in modo preciso secondo i protocolli".

Nicchi: "Var a chiamata? Non serve"

Scettico sulla Var a chiamata ("non credo che ci sia bisogno di qualcuno che dalla panchina chieda all'arbitro di andare a rivedere certe cose, lo sa da solo che deve rivedere quello che gli viene suggerito dal Var"), Nicchi esclude che a breve si possa arrivare ad avere gli arbitri che nel dopo-partita spiegano le proprie decisioni. "È quello che tentiamo di fare ma ogni volta che ci avviciniamo non mancano polemiche inconsistenti e aspre e questo ci ha fatto ritenere che non siamo ancora maturi per questo discorso". La riunificazione di Can A e B è stata una scelta vincente ("i margini di miglioramento erano scarsi, in questo modo c'è un incentivo per i giovani che si allenano, si preparano e studiano con quelli al di sopra di loro e di cui aspirano a prendere il posto"), il 2020 ha visto un arbitro italiano, Orsato, dirigere la finale di Champions ed essere eletto dall'Iffhs miglior fischietto dell'anno ("e speriamo in futuro di avere un livello ancora più alto"), per il futuro l'auspicio è di avere una Frappart italiana. "Ma ci lavoriamo da prima della Uefa - garantisce il presidente dell'Aia -. Abbiamo 1750 donne, una donna assistente nella Can unificata e due donne arbitro in C per le quali il passo successivo saràla A. Con un po' di applicazione presto ci arriveremo".

Notizia tratta da corrieredellosport.it
© Riproduzione riservata
26/12/2020 21:05:38


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Calcio (Nazionale)

Alessio Cerci, dall'Arezzo tenta il rilancio a quasi 34 anni negli Stati Uniti >>>

Il Venezia torna in Serie A dopo 19 anni >>>

Salernitana in A con Riccardo Bocchini fedele "vice" del tecnico Fabrizio Castori >>>

Serie D: al vaglio l'ipotesi del taglio delle retrocessioni >>>

L'Empoli torna in Serie A dopo due anni fra i cadetti >>>

Oh, chi si rivede! Josè Mourinho nuovo allenatore della Roma >>>

Covid, Daniele De Rossi ricoverato allo Spallanzani >>>

Serie C: fantastica Ternana, la B riconquistata con 4 turni di anticipo >>>

Dybala e Juventus pronti a dirsi addio >>>

"Questo mondo non fa più per me": l'addio triste di Cesare Prandelli alla Fiorentina >>>