Notizie Nazionali Cronaca

Sequestro di persona, rapina ed estorsione: sgominata una baby gang nel Catanese

Le indagini dei carabinieri avviate dopo la denuncia e la collaborazione delle vittime

Print Friendly and PDF

I ragazzi terribili di Riposto non si fermavano davanti a nulla. E quando qualcuno si metteva di traverso e si ribellava alle loro azioni, loro agivano come una consumata banda mafiosa. Ma non era una cosca,  bensì una violenta baby gang fatta di, almeno, sei ragazzi, quasi tutti minorenni. La procura della Repubblica e e quella per i minori di Catania hanno portato a termine un’indagine cominciata l’estate scorsa e con i carabinieri della compagnia di Giarre, a nord del capoluogo, hanno notificato un’ordinanza di misure cautelari emessa dal gip di Catania: per cinque di loro è stato disposto il collocamento in comunità, sono quattro ragazzi ancora minorenni e uno appena diciottenne che però era anch’egli minore all’epoca dei fatti. Per quest’ultimo è stato anche disposto l’obbligo di presentazione in caserma per due volte al giorno e l’obbligo di tenersi a non meno di 500 metri di distanza dalla vittima. Ad una sesta persona è stato notificato l’avviso di conclusione indagine e l’elezione di domicilio. Le accuse sono, a vario titolo, di sequestro di persona, rapina aggravata, estorsione aggravata. 

La vittima “principale” è il gestore di un luna park di Riposto, comune marinaro attaccato a Giarre, che il gruppo aveva preso di mira. Uno di loro, era il luglio dello scorso anno, aveva avuto un alterco con l’uomo e aveva chiamato gli altri, alcuni però non sono stati ancora identificati, per dargli una lezione. Il gestore fu minacciato, obbligato a seguirli in una località appartata e li schiaffeggiato e costretto a inginocchiarsi per chiedere scusa. È solo l’episodio più eclatante e violento, visto che altre denunce di episodi simili erano arrivate ai carabinieri, perché la baby gang aveva questo modus operandi, fatto di violenza, spintoni e schiaffi, anche “nei confronti dei più giovani membri della famiglia”, e “sull’intimidazione derivante anche dall’appartenenza a già noti ambienti criminali ripostesi”. I quattro minorenni, e il ragazzo appena diventato maggiorenne, sono stati affidati ad altrettante comunità, in cinque diverse province della Sicilia: Agrigento, Caltanissetta, Messina, Ragusa, Siracusa.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
24/02/2021 19:06:06


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Palermo, uccide il marito con il veleno per stare con l’amante >>>

Ibrahimovic rischia una squalifica di tre anni >>>

La trasmissione "Striscia la Notizia" accusata di razzismo >>>

Morti in corsia all’ospedale di Saronno, ergastolo confermato al dottor Cazzaniga >>>

ArcelorMittal conferma il licenziamento di Riccardo per il post sui social >>>

Vaccinazioni sul luogo di lavoro, arrivano le regole dell’Inail >>>

Figliuolo: 'Vaccinazioni in maniera uniforme in tutta Italia' >>>

Recuperate a Genova opere in marmo rubate in chiesa a Napoli >>>

Alta tensione e disordini a Roma per la protesta dei commercianti di “Io apro” >>>

Massa Martana: parroco annuncia l’addio alla Chiesa per amore durante la messa >>>