Notizie Locali Interviste locali

Mondo politica: intervista con Alessandro Bandini, consigliere comunale di Sansepolcro

"Sulla vicenda Eaut, l'aver schierato più candidati rischia di farci perdere di nuovo la partita"

Print Friendly and PDF

Disciplina dei rifiuti, Ente Acque Umbre Toscane e altri argomenti: parola ad Alessandro Bandini, capogruppo consiliare di “Borgo al Centro” nel Comune di Sansepolcro con deleghe ad ambiente e rapporti con le società partecipate.   

Bandini, avete ripristinato il servizio di controllo nel conferimento dei rifiuti. C’è ancora da lavorare per aumentare il senso civico dei biturgensi sotto questo profilo?

“Il ripristino della videosorveglianza è stato necessario a seguito del manifestarsi di un aumento rilevante dei casi di abbandono. Il servizio in questione ha permesso - e permette tuttora - di documentare le infrazioni e di risalire ai responsabili, con conseguente emissione di verbali a carico dei medesimi. Accanto, abbiamo ritenuto opportuno anche introdurre le figure degli ispettori ambientali con il compito di monitorare le varie postazioni, di controllare il comportamento degli utenti e di segnalare all’amministrazione situazioni particolari sulle quali intervenire. C’è sicuramente ancora molto da lavorare, ma sono convinto che sia iniziato un percorso teso ad incentivare quei comportamenti virtuosi che possano restituire il meritato decoro alla nostra città”.

Ente Acque Umbre Toscane: in molti, Lei compreso, si stanno battendo per avere nel cda l’esponente della Valtiberina, che rivestirebbe in automatico il ruolo di presidente. Ma i molteplici candidati proposti e l’assenza di una posizione bipartisan da parte della vallata non rischiano di far perdere anche stavolta il treno giusto?

“La questione Eaut è veramente una nota dolente, che ha provocato negli anni delusione e sconforto fra la nostra gente, che giustamente non riesce a comprendere come sia possibile che la nostra vallata non possa essere adeguatamente rappresentata soprattutto in considerazione del fatto che la diga di Montedoglio si trova all’interno della stessa. Questa pesante assenza di un nostro rappresentante ha da sempre penalizzato gli interessi della vallata. L’amministrazione, da parte sua, si è mossa per cercare una soluzione già da tempo; tuttavia, non si può dimenticare che il peso politico che astrattamente dovrebbe ricoprire il centrosinistra - e in particolare dal Pd in Regione - avrebbe giustificato la ricerca di un candidato sul quale ci sarebbe piaciuto essere maggiormente coinvolti; l’aver messo in campo invece  più candidati, come successo, senza una vera e propria condivisione probabilmente neanche con i vertici della Regione, non giova sicuramente alla causa e rischia seriamente, ancora una volta, di compromettere la scelta di una figura di vallata e di veder invece scelte figure “calate” dall’alto e non adatte a tutelare gli interessi locali. Credo che questo possa essere ancora evitato e pertanto faccio un appello a tutti gli attori coinvolti, Regione compresa, affinchè si possa convergere verso una candidatura forte e condivisa che rappresenti i nostri interessi”.

State procedendo con il taglio delle piante presenti in città che sono state ritenute a rischio. Qualche cittadino ha mugugnato, ma è il caso una volta per tutte di rassicurare i biturgensi sulla ripiantumazione degli alberi e sulla riqualificazione ambientale?

“Su questo argomento, si è detto già molto e mi preme solo aggiungere alcuni elementi che spero siano esaustivi. L’abbattimento delle piante, avvenuto lungo viale Vittorio Veneto, è stato molto doloroso per questa amministrazione, ma necessario. A seguito della caduta di una pianta avvenuta a maggio, è stato dato mandato a un’azienda leader nel settore di procedere con una analisi approfondita attraverso esami visivi e strumentali, che ha portato alla inevitabile decisione degli abbattimenti avvenuti un paio di settimane fa. Una volta eseguito l’abbattimento, si è avuto conferma delle pessime condizioni in cui si trovavano le piante in questione e del pericolo al quale saremmo potuti andare incontro se non avessimo agito tempestivamente, previa autorizzazione da parte della Soprintendenza. Come già detto, l’amministrazione ha già affidato a esperti del settore lo studio del piano di ripiantumazione da inserire a pieno titolo nel più ampio progetto di riqualificazione urbana, già oggetto di importanti finanziamenti e che potrà restituire ai borghesi un polmone verde di cui fruire in piena sicurezza”.

Si è tendenzialmente tranquillizzato il clima in consiglio comunale, oppure pensate che – una volta terminato il periodo estivo – l’opposizione tornerà subito alla carica?

“Diciamo che io ho sempre auspicato che il clima fortemente polemico con cui è iniziata l’attività di questo consiglio, una volta esauriti i veleni elettorali, si andasse piano piano ad affievolire. Per certi aspetti così è stato, anche se è legittimo che le forze di opposizione recitino il loro ruolo di controllo sull’operato dell’amministrazione; tuttavia, spesso si ha l’impressione che la polemica della minoranza sia un po' ridondante e fine a sé stessa, non sempre sostenuta da contributi costruttivi”.

La caduta del governo Draghi. Quali scenari possono prefigurarsi in una Italia costretta ad andare al voto con soli pochi mesi di anticipo sulla fine naturale della legislatura?  

“Personalmente, non amo questa pagina politica del nostro Paese. A mio avviso, la caduta del governo Draghi costituisce - nel momento storico in cui stiamo vivendo - un duro colpo alla possibilità di trovare soluzioni ai problemi legati alla situazione di emergenza in cui stiamo vivendo e sicuramente alla credibilità dell’Italia. La smania elettorale ha avuto il sopravvento, senza che si pensasse all’interesse vero del Paese e alle priorità sulle quali stava operando l’esecutivo. Lo scenario che si potrebbe presentare - e che ovviamente non mi auguro - è un esito elettorale che non consenta di legittimare un governo forte ed adeguato, con un premier privo della stessa levatura  internazionale e competenza di chi lo ha preceduto”.

Redazione
© Riproduzione riservata
29/07/2022 08:51:12


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Michele Gentili, esponente regionale e locale di "Azione" >>>

Mondo politica: intervista con Andrea Lignani Marchesani di Fratelli d'Italia >>>

Mondo politica: intervista con Claudio Marcelli, sindaco di Pieve Santo Stefano >>>

Mondo politica: intervista con Antonio Cominazzi, assessore di Badia Tedalda >>>

Mondo politica: intervista con Tonino Giunti, consigliere comunale di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Mirco Meozzi ex consigliere comunale di Anghiari >>>

Mondo Politica: intervista a Lucia Cherici segretario della provincia di Arezzo per "Azione" >>>

Mondo Politica: intervista a Mario Checcaglini consigliere comunale ad Anghiari >>>

Mondo Politica: intervista a Caterina Domenichini esponente di Forza Italia a Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Roberto Pancrazi esponente di "Adesso" a Sansepolcro >>>